MattBlack

The Geography of Poverty

Tra il 2014 e il 2017, Matt Black ha percorso più di 50mila miglia (80mila chilometri) e 46 Stati americani per fotografare le comunità con tassi di povertà superiori al 20%, le rinomate “aree di povertà”.

Secondo l’Ufficio del Censimento nazionale, oltre 43 milioni di persone negli Stati Uniti hanno un reddito massimo pro capite di 11,490 dollari (10.700 euro) all’anno – 23,550 dollari (21.960 euro) per una famiglia di quattro persone – e perciò rientrano nella fascia di povertà. Parallelamente, il reddito dell’1% della popolazione più agiata è più che raddoppiato dal 1970 ad oggi. Quello dei più ricchi, l’élite vera e propria (lo 0,1% della popolazione), è triplicato.

Dai deserti del Sud-ovest e dalla regione del Black Belt nel Sud, alle ex città industriali che vanno dal Midwest al Nord-est, passando per le riserve dei nativi delle Grandi Pianure, The Geography of Poverty accende un faro sulle comunità più emarginate d’America e mette in evidenza il crescente divario tra ricchi e poveri.

Progetto

The Geography of Poverty

Numero foto

30 stampe, 1 blow up

Tipo

Bianco e nero, 30 stampe incorniciate montate su forex 3 mm, 1 blow up

Dimensioni

30 stampe 84 x 84 cm, 1 blow up 52 x 211 cm

Cornici

86 x 86 cm (spessore 4 cm) in legno tiglio massello

Allestimento

29 metri lineari minimo (esclusi spazi)

Scarica la scheda tecnica