Home > Edizione 2018

Nel 2016, la remota comunità canadese di Attawapiskat, Cree First Nations, è diventata sinonimo di disperazione, in seguito alla forte incidenza di casi di suicidio – una crisi che ha attirato l’attenzione dei media di tutto il mondo. Anche se esistono sfide complesse, molti aspetti della vita degli Attawapiskat sono stati ampiamente trascurati: i legami duraturi della comunità, il legame con la terra, la riscoperta delle pratiche tradizionali e la volontà umana. Se ci si concentra solo sulle terribili condizioni dei più indigenti, ai fini della diffusione di una narrazione guidata dai media, la divisione cresce e resta poco spazio per le soluzioni e la comprensione. Attraverso suoni e immagini questo lavoro vuole rappresentare un contrappunto astratto a quel tipo narrazione.

Il progetto è stato finanziato da una sovvenzione del Pulitzer Centre on Crisis Reporting.

David Maurice Smith

David Maurice Smith è un fotografo canadese, il cui lavoro si basa sulla precedente carriera nei servizi sociali durante la quale ha assistito comunità e individui in crisi.

Le sue immagini sono state premiate agli International Photography Awards, agli American Photography Awards, agli Amnesty International Media Awards e ai Walkley Awards e nel 2016 David ha ricevuto una borsa di studio dal Pulitzer Centre on Crisis Reporting. Il suo lavoro è stato presentato a Photoville, The Delhi Photo Festival, Visa Pour l’Image-Perpignan International Festival of Photojournalism, Angkor Photo Festival, Contact Photography Festival, PhotoIreland, PhotoJourn Festival e Obscura Festival of Photography.

David è membro del collettivo Oculi dal 2012 e tra i suoi clienti figurano TIME, The New York Times Magazine, Rolling Stone, The Washington Post, Mother Jones, The Wall Street Journal e National Geographic.